sabato 9 gennaio 2016

Lokum al pistacchio


La prima ricetta di questo mio diario sarà quella dei Lokum,deliziosi bon bon turchi per i quali io vado matta,guarda caso il mio primo nickname in rete é stato proprio Lokum.Contrariamente a quello a cui ho sempre creduto, sono  semplici da fare. Servono pochi ingredienti ed attrezzature , non c'è quindi ragione per non provare subito a farli .Cominciamo??

Serviranno 1 termometro possibilmente a sonda, uno stampo quadrato 20x20 e carta forno.Una pentola di rame o di alluminio  .


İngredienti per lo sciroppo

800 gr di zucchero
375 ml di acqua
1 cucchiaio da minestra di succo di limone

Ingredienti per la "gelatina"

120 gr di fecola di mais ( maizena)
1 cucchiaio da te colmo di cremor tartaro
500 ml di acqua.

200 gr di pistacchi sgusciati e non salati

Servirà poi un mix di zucchero a velo e maizena per spolverare prima la teglia e poi il prodotto finito.
1 bicchiere pieno di zucchero a velo
1/3 di bicchiere di maizena


Cominciamo preparando la teglia, io la ungo con un velo di burro  per tenere ferma la carta forno. Taglio  3 strisce  di esatta misura e fodero per bene, usandone 2 messe a croce,
 la terza servirà per stendere e coprire la massa una volta cotta, aiutandomi con un piccolo colino spolvero la base e metto da parte..



 Metto al fuoco gli ingredienti per lo sciroppo e  porto a 117 gradi. Quando la temperatura si aggira su i 110   comincio a cuocere  quella che chiamo "gelatina"( ma che in realtà non é)nel tegame di rame. Con una frusta  mescolo bene la maizena con il cremor tartaro, poi aggiungo  l'acqua fredda e metto al fuoco. Quando  questa sorta di budino  addensa e  diventa   traslucido spengo  . Nel frattempo lo sciroppo  sarà arrivato a temperatura,  comincio quindi  ad aggiungerlo  poco per volta  alla gelatina  usando  le fruste elettriche. ( ho notato che  c'è meno rischio  che si formino grumi , ma in mancanza si può utilizzare una frusta a mano Riaccendo quindi il fuoco a  fiamma media e si  parto  con la vera e propria  cottura  .Non é obbligatorio  continuare a mescolare  ma conviene   farlo il più possibile.Ci vorrà approssimativamente 1 ora  perche questo composto arrivi ai 122 gradi. , momento in cui si aggiungeranno, mescolando molto bene, i pistacchi leggermente scaldati  in forno.Spegnere il fuoco e versare immediatamente nello stampo  preparato in precedenza, cercando di livellare la superficie sulla quale avremo steso  la striscia  di carta forno che avevamo tagliato e tenuto da parte.İo uso uno di quei piccoli mattarellini che si usano per stendere  gli impasti direttamente nella teglia, se lo avete bene altrimenti  proteggendovi le mani ( sarà veramente molto caldo) fate con i palmi, o  se  la avete un altra teglia a misura, potreste usare quella.Dopo circa 12 ore , si potrà estrarre  quello che sarà diventato un blocco  e lo si posizionerà su di un tagliere spolverato  con il mix di  zucchero a velo e maizena.Si tagliano delle fette di circa 2 cm ,massimo 2 e 1/2, che dovranno essere rotolate   nel mix.
 Si passerà  quindi alla cubettatura, facendo attenzione a mettere ogni cubetto nel mix di polveri. perche  questa massa é piuttosto appiccicosa.Mettere i cubetti cosi ottenuti in un contenitore provvisto di coperchio  e cospargere con  il mix  che sarà avanzato.


20 commenti:

  1. Ecco qui : cominciamo a capire che oltre la bravura indiscussa ,questa donna ha una capacità' straordinaria di far sembrare tutto facile...senza contare la minuziosa precisione ! Grandissima .
    Questa volta mi ricordo di firmare ,Franci .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franci, non lo dico tanto per dire, questa ricetta é un po lunghetta ma é semplice sul serio! :)

      Elimina
  2. belli!!! grazie per la preziosa ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, ora aspetto da te quelli alla rosa ;)

      Elimina
  3. Paola non sapevo di questo tuo blog! Sono molto contenta!
    Baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bruna, era quasi un segreto ;)
      Baci baci anche a te

      Elimina
  4. trovata ! che contenta del blog ,brava sarà un bell'impegno,con tutti noi assatanati a seguire e chiedere....baci paola bella come prima ricetta ti ho conoscuto come lokum

    RispondiElimina
  5. Paolaaaaa! Sono molto contenta per il tuo blog!

    RispondiElimina
  6. sono di una contentezza che non ti dico.... Felicità è aprire internet e vedere che hai un blog! in bocca al lupo <3

    RispondiElimina
  7. Brava Paola!
    Anche se saranno ricette per me irraggiungibili ti leggo sempre volentieri .
    Ciao
    Margherita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Margherita, ci saranno ricette di tutti i generi, comunque lo dico sempre nulla é irraggiungibile :)

      Elimina
  8. Proverò a farli...se metto un aroma, quando mi consigli di aggiungerlo? Io direi verso fine cottura, ma voglio sentire cose pensi tu :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. İo quando faccio quelli di rosa , aggiungo l'aroma un attimo prima di spegnere il fuoco, quindi direi proprio che convenga farlo per tutti gli altri possibili aromi :)

      Elimina
  9. Ho fatto questa mattina i lokum al pistacchio vorrei sapere se li posso lasciare nella tortiera fino a domani mattina. Per rispettare le 12 ore di riposo dovrei aspettare la una di questa notte.

    RispondiElimina
  10. Oggi ho fatto i lokum al pistacchio e vorrei sapere se posso tagliarlo domani mattina in quanto, per rispettate le 12 ore di riposo dovrei attendere la una di questa notte. Grazie

    RispondiElimina
  11. Scusa se ti rispondo solo adesso, ma sto "maltrattando" il blog .( Si certo puoi lasciarli nello stampo senza problemi.

    RispondiElimina
  12. Descrizione stupendissima.Grazie :)

    RispondiElimina

Prego cortesemente, anche se utenti anonimi, di firmare i commenti. Grazie.